Nessun commento su Siamese

Siamese

Il gatto Siamese ha origine in Siam (l’attuale Thailandia). Sono arrivati in Europa nel 1880 quando il re del Siam donò una coppia al console Britannico, Owen Gould, che li portò ad un’esposizione felina l’anno successivo al loro arrivo. Questa razza di gatto era molto apprezzata dai nobili grazie alla loro aria solenne. A fine ‘800 approdarono anche in America dove divennero una moda negli anni venti. Il riconoscimento di questa razza avvenne in Inghilterra nel 1936 e negli anni successivi vennero selezionati gli esemplari più snelli e dal muso allungato che portarono alle caratteristiche somatiche di oggi.

Il Siamese ha un aspetto muscoloso e molto elegante grazie alla corporatura slanciata. E’ un gatto di medie dimensioni, il suo peso può arrivare nella femmina ai 4Kg mentre nel maschio ai 5Kg, ha zampe lunghe e snelle e una coda a frusta lunga e sottile. La testa è triangolare con delle orecchie piuttosto grandi e appuntite, il loro muso è affilato e una delle caratteristiche che più fa riconoscere questa razza sono gli occhi color blu intenso e a forma di mandorla. Il mantello di questo gatto può essere corto( nella forma tradizionale)ed esiste la variante a pelo lungo(spesso soprannominata himalayana), le estremità delle zampe, coda, orecchie e muso sono di un colore più scuro rispetto al corpo e queste sfumature iniziano a comparire intorno ai dieci mesi di vita definendosi poi del tutto dopo qualche mese.

E’ dotato di una forte personalità, può essere nervoso e poco paziente ma nonostante questo è un gran giocherellone (anche nell’età adulta), molto intelligente e facilmente addestrabile. Tende ad affezionarsi ad una sola persona e riesce a distinguerla tra i diversi componenti della famiglia. Non ama vivere con altri gatti anche se, grazie al suo carattere molto deciso, riuscirebbe comunque a dominare. E’ molto comunicativo e con il suo miagolio richiede attenzioni e coccole . Segue molto il padrone nei suoi spostamenti e si abitua facilmente al guinzaglio, infatti, spesso, vengono descritti con un comportamento più simile a quello dei cani che a quello dei gatti. I Siamesi soffrono occasionalmente di depressione o ansia da separazione se lasciati soli per lunghi periodi di tempo, infatti, è consigliabile acquistarli in coppia per farsi compagnia a vicenda.

La durata media della vita del gruppo Siamese era compresa tra 10 e 12,5 anni ma negli ultimi monitoraggi si è notato che mostrano una durata di vita più alta di 14,2 anni. Questa razza ha un alto rischio di problemi neoplastici e gastrointestinali, ma hanno un minor rischio di malattie del tratto urinario inferiore felino.

Lascia un commento